Cerca
 

IN SICILIA TICKET VINCENTE ‘MICARI – LA VIA GIUSTA’, CON UNA SQUADRA MOTIVATISSIMA. MICARI È IL NUOVO.

Siamo soddisfatti della scelta a cui si è arrivati: Fabrizio Micari è la carta migliore contro i Cinque Stelle.
La nostra scelta contrappone la competenza al dilettantismo, la novità al deja-vu, perchèFabrizio Micari è l’unico candidato nuovo, gli altri due sono gli sconfitti dell’altra volta.

Qui, a Palermo, ho lanciato il ticket vincente tra Fabrizio Micari e Giovanni La Via per la corsa alla Presidenza della Regione Siciliana.
La nostra scelta è anche di rinnovare le liste perché siano fortissime e, per questo, ci concentreremo più che sugli uscenti sulle nuove entrate.
Non tutti gli uscenti saranno ricandidati, alcuni per loro scelta, altro per nostra scelta. Ma tutti concorreranno alla vittoria del nostro progetto e del nostro comune programma.

Sosteniamo Fabrizio Micari con una squadra motivatissima e presente sul territorio, che spiegherà le ragioni della nostra decisione.
E’ desiderio e impegno di tutti noi non consegnare la Sicilia a Salvini perché non possiamo dimenticare che ha fatto scegliere, all’altro schieramento, il candidato presidente alla Regione Siciliana qui, in Sicilia, e non possiamo nemmeno dimenticare che proprio Salvini avrebbe voluto bus separati per i meridionali e i terroni.
Se qualcuno qui fa la lista “noi con Salvini”, quindi, la nostra è “mai con Salvini“.

Questa è la nostra linea. Il fatto che noi abbiamo scelto di sostenere Micari ha scatenato un animato dibattito anche a sinistra con D’Alema che prova a trasformare il proprio rancore per Renzi in una ragione politica, senza riuscirci: D’Alema non sostiene Micari solo perché spera che Renzi perda. Soltanto per questo motivo. Basta ipocrisie.

I Cinque Stelle, di contro, non sanno trasformare la protesta in una proposta di governo. Roma ne sa qualcosa.

Micari, in una grande azienda pubblica, ha dimostrato invece di sapere bene amministrare e governare.

Condivido che le regionali in Sicilia non siano un test nazionale e, nel mio dire, non c’è una derubricazione della Sicilia, regione importantissima, ma semplicemente l’intenzione di ricordare che l’Italicum non prevede alleanze.

Noi adesso stiamo riproponendo, per le regionali, un’alleanza che ha già vinto a Palermo e che può vincere ancora.

Fabrizio Micari, da presidente della Regione, avrà da noi importante contributo programmatico.
Stiamo lavorando, per esempio, con l’apporto di bravissimi tecnici, a una zona franca fiscale – che sia compatibile con le regole europee – come misura compensativa per gli sforzi e l’impegno, su diverse questioni, che la Sicilia ha dovuto sobbarcarsi in nome e per conto dell’Europa intera.

L’Europa restituisca alla Sicilia ciò che la Sicilia ha dato con grande generosità.
La Sicilia è una terra bellissima e i siciliani sono estremisti della passione e della creatività, ma non sono estremisti politici e per questo potranno riconoscersi nel ticket competente, determinato e giovane “Micari-La Via giusta”.